The walking Dead: Commento

Trama:

Rick Grimes è un vice sceriffo vittima di un incidente durante uno scontro a fuoco con dei fuorilegge: colpito alla schiena, va in coma, lasciando tra le lacrime la moglie Lori e il figlio Carl. Il risveglio, poco tempo dopo, è traumatico: l’ospedale è distrutto ed è pieno di cadaveri. Rick non ci metterà molto a capire la situazione: il “virus” che sembrava essere controllato prima del suo incidente, ha preso piede. I morti si risvegliano ed attaccano i vivi, la cui presenza è sempre minore. Il vice sceriffo sfrutterà tutte le sue abilità di sopravvivenza e di capacità con le armi per sopravvivere ed uscire dalla città, trovando altri superstiti rifugiati tra i boschi: tra questi, ritrova la famiglia e il suo migliore amico Shane. Costretti poi a spostarsi, presto si accorgeranno che i veri nemici sono gli altri esseri umani, spinti unicamente dall’istinto di sopravvivenza.

 

The walking Dead è una serie Tv prodotta negli Stati Uniti d’America. La prima puntata, andata in onda dall’emittente AMC in America e su Fox in Italia, è stata trasmessa per la prima volta il 31 Ottobre 2010 (Negli stati uniti d’America) e il 1º Novembre 2010 (in Italia). Tratto da una serie a fumetti survival horror statunitense a cadenza mensile pubblicata dalla Image Comics a partire dall’ottobre 2003, creata da Robert Kirkman e illustrata da Tony Moore per i primi 6 numeri e da Charlie Adlard per i successivi. Tratta delle vicissitudini di un gruppo di persone che cercano di salvarsi da un’invasione di zombie, che ha portato al crollo delle istituzioni centrali e alla fine della civiltà così come la conosciamo. In Italia l’opera viene pubblicata in due diversi tipi di raccolte: il trade paperback (composto da 6 numeri regolari americani) venduto esclusivamente nelle fumetterie dal 2005, e il formato bonelliano (composto da 4 numeri) ristampa venduta anche nelle edicole a cadenza mensile, a formato e prezzo ridotto dal 2012. Entrambe le pubblicazioni sono realizzate da SaldaPress. La pubblicazione dell’opera di Kirkman continua tuttora.

 

Nancy deWolf Smith del Wall Street Journal ha affermato che «l’episodio pilota è così bello che ha catturato anche una che detesta gli zombie come me». Secondo la Smith, ciò che ha reso l’episodio così bello è il fatto che appare reale e sembra cinematografico. Heather Havrilesky di Salon.com ha incluso la serie nella sua lista delle nove nuove serie televisive da non perdere, assegnandole il voto “A” e il commento: «Una serie televisiva di qualità cinematografica sugli zombie? Qualcuno mi dia un pizzicotto!». La serie, dopo la messa in onda dell’episodio pilota, ha ottenuto un punteggio di 85 su 100 sul sito Metacritic, basato su 25 recensioni e associato all’indicazione «acclamazione universale».

Il primo episodio della serie è stato visto da 5,3 milioni di telespettatori: si tratta dell’episodio pilota di una serie televisiva dell’emittente AMC con più ascolti in assoluto. Il famoso romanziere Stephen King ha inserito il quinto episodio della prima stagione al secondo posto della sua personale lista dei migliori show televisivi del 2010. L’ottavo episodio della seconda stagione, trasmesso dopo una lunga pausa nella messa in onda, è stato seguito da 8,1 milioni di telespettatori, battendo tutti i record delle serie tv trasmesse via cavo. L’ultimo episodio della seconda stagione raggiunse gli 8.991.000 spettatori, mentre tale record venne nuovamente superato dalla première della terza stagione, vista da 10,9 milioni di spettatori.

L’inizio della quinta stagione batte qualsiasi record precedente stabilito dalla serie, registrando 17,2 milioni di telespettatori, la maggior parte dei quali nella fascia 15-49 anni, affermandosi come serie tv di maggior successo dell’ultimo decennio

Riconoscimenti

La serie ha ricevuto una candidatura ai Golden Globe 2011 come miglior serie drammatica, ma tale premio è stato consegnato alla serie Boardwalk Empire del network HBO.

  • AFI Awards 2010
    • AFI TV Programme of the Year
  • Saturn Awards 2010
    • Best Television Presentation
  • Eddie Awards 2011
    • Best Edited One-Hour Series for Commercial Television a Hunter M. Via per l’episodio I giorni andati
  • Golden Reel Awards 2011
    • Best Sound Editing in Television Short Form – Dialogue and Automated Dialogue Replacement a Kenneth Young, Bruce M. Honda, Darleen Stoker, Lou Thomas, Walter Newman per l’episodio Una via d’uscita
  • Premi Emmy 2011
    • Miglior makeup per una serie, miniserie, film o speciale (prostetico) a Greg Nicotero, Andy Schoneberg, Garrett Immel, Jake Garber, Kevin Wasner, Howard Berger e Jaremy Aiello per l’episodio I giorni andati
  • Saturn Awards 2011
    • Best Presentation on Television
    • The Innovator Award a Robert Kirkman
  • Premi Emmy 2012
    • Miglior makeup per una serie, miniserie, film o speciale (prostetico) a Greg Nicotero, Jake Garber, Andy Schoneberg, Kevin Wasner, Gino Crognale, Carey Jonse e Garrett Immel per l’episodio La strada da percorrere
  • Golden Reel Awards 2012
    • Best Sound Editing in Television Long Form – Sound Effects & Foley a Gary D. Rogers, Gregg Barbanell, Pamela Kahn, Stacey Michaels per l’episodio La strada da percorrere
  • Satellite Awards 2012
    • Miglior serie TV di genere
    • Miglior cast televisivo
  • People’s Choice Awards 2014
    • Serie tv drammatica preferita
  • People’s Choice Awards 2016
    • Nomination Miglior show televisivo
  • Screen Actors Guild Awards 2016
    • Nomination Migliore controfigura televisiva

Ad oggi è arrivata alla conclusione della Sesta stagione.

Durante tutta la serie sono numerosi i colpi di scena, pronti a far emozionare i fan. Gli elementi fondamentali che rendono splendida questa Serie Tv sono:

  • Effetti speciali: E’ saputo quanto siano splendidi gli effetti speciali del Team di The walking Dead, capaci di rendere “Reale” ogni istante attraverso.
  • La trama: Quando si parla di Zombie, molti tendono a pensare alle solite storie incentrate sui Non morti. The walking Dead riesce ad incastrare un emozionante storia nello scenario Post-Apocalittico. I principali nemici non saranno gli Zombie, ma i vivi!
  • La vera faccia degli esseri umani: In un clima così triste e distruttivo emergono le azioni che gli umani possono compiere per scavalcare i loro simili.
  • Grandissima immersione tramite una curatissima storia

 

Sicuramente una delle serie più belle e ben fatte di sempre.

 

Voto:

4,8/5

 

 

 

*Tutti i commenti e recensioni presenti in questo articolo sono totalmente personali. Facci sapere cosa ne pensi.

 

Rispondi