Genitori che vengono “geolocalizzati” e spiati dai figli, grazie agli smartphone

genitori geolocalizzati - smartphone

genitori geolocalizzati - smartphone

Un’inchiesta recente del Wall Street Journal ha ricostruito una tendenza in atto che in qualche modo sovverte lo scopo originario per il quale i telefonini erano utilizzati (dai genitori di ogni parte del mondo): se in origine lo smartphone era strumento di controllo, grazie al quale il genitore poteva in ogni momento rintracciare il proprio figlio e chiamarlo se per caso faceva tardi, attualmente sono i controllori ad essere spiati e controllati. Attraverso applicazioni come “Find my Friends”, ad esempio, o tracciando e geolocalizzando i movimenti dei genitori su una mappa, è possibile scoprire in ogni momento dove si trovano e quanto tempo impiegheranno a tornare a casa.

Questo è servito alla ventunenne Christy Spitler, studentessa del Tennessee, per evitare i rimproveri dei genitori che le avevano raccomandato di tenere la casa pulita durante la loro assenza. Tenendo traccia dei loro spostamenti sul cellulare, quando ha visto che mancava un’ora al loro ritorno la ragazza ha iniziato a mettere a posto la stanza e a pulire la casa, dopo aver passato il resto del tempo sul divano a guardare Netflix e Youtube.

Tramite l’applicazione Life360, invece, che consente di tenere traccia dei dispositivi Iphone e degli Android, lo studente Jamie Barnhill dell’Università della California ha scoperto che i suoi genitori tornavano a casa passata l’una di notte. La scoperta gli ha lasciato l’amaro in bocca: “che tristezza, i miei genitori fanno più tardi di me” – loro a divertirsi, lui in camera a studiare.

Find my Friends è invece servita a un’assistente medico di Houston, stufa delle incursioni improvvise dei genitori nel suo appartamento: la ragazza aveva iniziato a tracciarne gli spostamenti tramite l’applicazione, facendo la curiosa scoperta che i genitori stavano andando in un albergo poco distante a festeggiare il loro anniversario di matrimonio – non a San Antonio, a 200 miglia di distanza da lì, come avevano annunciato di voler fare. Una sorta di fuga romantica per prendersi un po’ di tempo lontano da tutti…

Rispondi