Buonumore o malumore: si diffondono come un contagio sociale, e dipendono dal gruppo di amici

buonumore - malumore

buonumore - malumore

L’umore, positivo o negativo, dipende dal nostro circolo di amici, allo stesso modo di altri stati d’animo come il senso di impotenza e la perdita di interesse. Sono i risultati di uno studio dell’Università di Warwick, apparsi sulla rivista Royal Society Open Science: lo studio ha preso in esame quasi 2.200 tra ragazzi e ragazze, per la maggior parte adolescenti, e ha messo in evidenza il fatto che ad influenzare il nostro stato d’animo può essere il gruppo di amici di riferimento, in una sorta di “contagio sociale”. Per fortuna, il contagio non è tale da propagare addirittura la depressione.

Lo studio fa parte di un più ampio progetto di ricerca, denominato National Longitudinal Study of Adolescent to Adult Health: esso si propone di analizzare un campione rappresentativo di individui dall’adolescenza all’età adulta, e comprende informazioni sull’umore degli adolescenti e il loro gruppo di pari nelle scuole americane.

buonumore - depressione

Dallo studio emerge che l’effetto dell’umore negativo di un individuo sul gruppo di amici non è tale da portare il resto degli individui ad essere “contagiati” dalla depressione. Una maggior comprensione dei meccanismi che influenzano le oscillazioni negli stati d’animo degli adolescenti è utile per prevenire e affrontare la depressione nei ragazzi.

Rispondi